Il trading online è sicuramente uno dei tipi di investimento che viene più utilizzato dalle persone che vogliono veder crescere il proprio capitale. Questo però è un tipo di approccio che se da una parte offre elevate opportunità di guadagno, dall’altra nasconde anche molte insidie, le quali vanno a riguardare perlopiù le piattaforme con le quali si va a operare. Per questa ragione nel nostro articolo vogliamo andare a parlare di quali aspetti si deve tenere conto per operare in totale sicurezza.

Truffe trading online, come proteggersi

La vera regola d’oro per essere sicuri quando si opera nel mondo del trading è quella di affidarsi a broker che siano autorizzati ad operare dai principali organi di controllo finanziario (su Forex Trading Italia trovi una lista dei migliori broker). In pratica, se un broker non è regolamentato, per prima cosa non sarà soggetto al controllo delle principali autorità finanziarie come ad esempio la Consob e la Cysec, e questo significa che si sentirà autorizzato ad operare in qualsiasi modo dal momento che non ha chi gli impone di rispettare la legge.

Considerando tutto questo è ovvio che, una piattaforma libera senza alcuna regolamentazione, possa nascondere in sé un’azione poco limpida. Una delle conseguenze di questo tipo di azione è che i trader penseranno che il trading sia una specie di truffa in senso assoluto, ma in realtà non è affatto così. Non si tratta di questa forma di finanziamento ad essere un problema, ma l’errore è stato affidarsi a broker che non potevano in realtà operare perché privi delle autorizzazioni necessarie. Come fare quindi per evitare di trovarsi di fronte a questo tipo di problema?

Tutelarsi di fatto è un’operazione piuttosto semplice, in quanto risulterà sufficiente affidarsi a broker che godano delle autorizzazioni di cui abbiamo appena parlato. Basterà recarsi sul sito della Consob o della Cysec per trovare la lista delle piattaforme di trading che hanno avuto il benestare ad operare nel nostro Paese. Una delle cose che si possono fare per sentirsi sicuro al 100 percento è quella di rivolgersi ai Broker maggiormente utilizzati e famosi, i quali possiedono recensioni positive su internet.

Dunque, la scelta del broker è l’unica cosa che fa la differenza quando si decide di operare online attraverso una forma di finanziamento come il trading. A questo punto il prossimo passo è quello di individuare all’interno del vasto mercato delle piattaforme quali siano quelle più affidabili in assoluto perché approvate dagli organi di controllo.

Le migliori piattaforme per fare trading

Ecco di seguito quali sono le migliori piattaforme per fare trading online. Per scegliere quella che più si adatta alle proprie esigenze, sarà necessario andare ad osservare quale sia la proposta che viene fatta a chi si iscrive sulla piattaforma, aspetto che si vede andando sulla home page. Ecco una lista delle migliori attualmente sul mercato:

  • eToro: piattaforma da molti anni in Italia, la quale ha lanciato l’opzione del social trading, con il quale è possibile andare ad operare nello stesso modo dei principali trader della piattaforma proprio copiando le loro operazioni.
  • Plus500: una delle prime piattaforme che ha potenziato il settore dei CFD, una delle più utilizzate forme di investimento degli ultimi anni.
  • Iq Option: piattaforma più recente rispetto alle precedenti, ma che si è molto potenziata negli anni offrendo anche una vasta gamma di criptomonete sulle quali andare ad investire.
  • Investous: una piattaforma che in Italia è arrivata dopo le prime tre che abbiamo visto, ma che in breve tempo ha eguagliato le precedenti in fatto di offerta agli investitori, come anche un alto livello di sicurezza e affidabilità.

Conclusioni

Per concludere, possiamo osservare quanto sia importante l’aspetto della sicurezza quando si opera sul trading. Dunque, è bene essere certi che il Broker a cui ci affidiamo sia autorizzato dagli organi di controllo sopracitati, unico elemento che ci garantisce la protezione dalle truffe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.